Fidef
home contatti site map
chi siamo
attività
come associarsi
normative
Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro
manuale operativo
convenzioni
modulistica
comunicati stampa
contatti



 

Erronea qualificazione dei corsi di informatica e inglese sul Corriere della Sera del 7.12.2020.

La lettera inviata al Direttore del Corriere della Sera Caro Direttore, leggo oggi 7 dicembre, a pagina 12 del Suo giornale, l’articolo di Milena Gabanelli e Rita Querzé su “Lavoro: 240 mille offerte ma il personale non c'e”. L’articolo, pur fotografando una situazione reale sulle possibilità occupazione, si perde quando sulla “Formazione mirata e certificata”, riferendosi alla programmazione di corsi di formazione, si afferma che nella maggior parte si tratta di generiche lezioni di informatica o di inglese, dalle quali si esce con un inutile attestato di frequenza.” Quale titolare di una delle tante scuole che erogano corsi di formazione di inglese e di informatica, tengo ad sottolineare l’erronea affermazione: i corsi di cui trattasi si tengono con precisi programmi di studio, che terminano con esami finali che attestano il livello conseguito in conformità al Quadro Comune Europeo della conoscenza (QCER). Preciso che la maggioranza dei corsi di lingua inglese terminano con esami finali, rigidamente erogati sotto la vigilanza di Cambridge English, divisione dell’Università di Cambridge. Detti certificati sono ritenuti validi in tutto il mondo, quali titoli per l'accesso nelle maggiori università Italiane e straniere e sono apprezzati dalle Aziende. Tengo altresì ad evidenziare che moltissimi sono i casi di coloro che, pur in possesso di titolo di studio, anche universitario, trovano effettiva possibilità di occupazione solo dopo avere acquisito, con i predetti corsi, una solida conoscenza della lingua inglese e dell'informatica, oggi alla base in un mondo tecnologico e globalizzato. Quale responsabile di una British School, accreditata e centro esami della predetta Università di Cambridge, nonché presidente nazionale della FIDEF, Federazione a cui aderiscono le scuole dei corsi citati nell'articolo, ritengo doveroso che un giornale autorevole, qual è quello da Lei diretto, debba ravvisare l’erronea informazione, dando atto di quanto evidenziato. Dott. Luca Paladino ------------------------------------------------------------------------------------------------- segreterafidef@gmail.com www.fidef.it